[Presentation 4]. Visualizzazione e sviluppo di una presentazione.

Powerpoint

Powerpoint offre diverse opportunità di visualizzazione della presentazione: normale, sequenza diapositive, pagina note, pr esentazione. Per passare da una modalità all’altra si può usare il gruppo “Visualizzazioni presentazione” nella scheda “Visualizza” della barra multifunzione, oppure con i pulsanti alla destra nella barra di stato.

La visualizzazione predefinita di Powerpoint è la visualizzazione normale. Si può cambiare tipo di visualizzazione predefinita  andando sulla scheda “File”, “Opzioni di Powerpoint” e “Impostazioni avanzate”. Nel gruppo “Visualizzazione” selezionare la visualizzazione desiderata da impostare come predefinita nell’elenco “Apri tutti i documenti con questa visualizzazione”. Quindi cliccare su “OK”.

In “Visualizzazione normale” l’attenzione è focalizzata principalmente sulla diapositiva che occupa gran parte dell’area di visualizzazione. L’area delle note occupa la parte inferiore della finestra. Essa consente di scrivere brevi informazioni sulla diapositiva, utili al relatore della presentazione.

Se si vuole utilizzare l’area note come un normale foglio bianco, bisogna passare in “Visualizza”, “Pagina note”. L’area di sinistra è occupata dal riquadro di struttura e contiene le schede “Diapositive” e “Struttura”. Nella scheda “Diapositive” sono visualizzate in miniatura le diapositive della presentazione.

Nella scheda “Struttura” è visualizzato esclusivamente il testo principale organizzato in livelli gerarchici. Il riquadro “Struttura” si può chiudere così da lasciare maggiore spazio al riquadro “Diapositiva”.

Quando si visualizza la scheda “Struttura” si può iniziare a scrivere il contenuto della diapositiva, focalizzandosi sul testo e non sugli aspetti grafici o tipografici. Il testo diapositiva è visualizzato in forma di “Struttura” e può essere variato di livello gerarchico fino a creare nuove diapositive. Con il tasto TAB si abbassa il livello del testo, la combinazione di tasti Shift+TAB lo alza.

La visualizzazione “Sequenza diapositive” presenta le diapositive come anteprime, tuttavia usando l’intera finestra a disposizione. Questa modalità di visualizzazione permette la riorganizzazione delle diapositive che possono essere trascinate in una nuova posizione, duplicate o eliminate. La visualizzazione “Pagina note” accessibile dalla scheda “Visualizza”, “Pagina note”, mostra una alla volta tutte le diapositive con le rispettive note. Le note possono essere stampate e usate durante la presentazione. La visualizzazione “Presentazione” occupa tutto lo schermo e mostra la presentazione per come verrà vista dal pubblico.

Il tasto F5 avvia la presentazione dalla prima diapositiva. In “Visualizzazione presentazione” si può avanzare nella presentazione con il tasto INVIO. Per terminare la presentazione e tornare alla visualizzazione precedente premere il tasto ESC. Qui è possibile verificare come appariranno immagini, disegni, grafici, nonché gli effetti di transizione ed animazione. Premendo il pulsante “Presentazione” sulla barra di stato, si avvia la presentazione, a partire dalla diapositiva corrente.

La “Visualizzazione di lettura”, sempre nella scheda “Visualizza”, consente di eseguire la presentazione non per il pubblico, ma per un utente che visualizza la presentazione sul proprio PC.

In questa modalità vi sono a disposizione controlli semplici che permettono la revisione della presentazione. Si può sempre passare da una visualizzazione ad un’altra, se si vuole modificare la presentazione.

Quando si prepara una presentazione è fondamentale focalizzarsi sul contenuto che dev’essere chiaro e conciso. Il titolo di una diapositiva è importantissimo. Essenziale è che ogni diapositiva abbia un titolo diverso e centrato sull’argomento trattato. Questo fa si che il pubblico ne sia catturato.  Per l’utente, inoltre, è più semplice muoversi nella presentazione, per esempio individuando direttamente il punto dove si vuole intervenire.

[Presentation 3]. Modifica delle impostazioni.

Powerpoint

In ogni nuova presentazione, Powerpoint imposta le proprietà autore in base all’impostazione del nome utente visualizzato nella finestra di dialogo “Opzioni di Powerpoint” della scheda “File”. Si devono modificare queste proprietà nel caso in cui il loro valore non sia più conforme con i dati dell’utilizzatore del programma, ad esempio quando è cambiato l’utilizzatore del PC.

Tra le altre cose che si possono modificare nella finestra di dialogo “Opzioni di Powerpoint”, comando “Generale, “Opzioni interfaccia utente”, “Mostra barra di formattazione rapida quando si seleziona testo” e “Attiva anteprima in tempo reale”. Quando si selezionano “Apri” o “Salva con nome” della scheda “File” la finestra di dialogo si apre sulla cartella predefinita per questa funzione.

Powerpoint per default utilizza la cartella Documenti. Se si vuole cambiare questa impostazione si può definire che per default i file vengono salvati in una cartella differente. Si deve allora modificare il percorso di “Salvataggio” delle “Opzioni di Powerpoint”.

[Presentation 1]. Introduzione a Powerpoint 2010.

Powerpoint

Microsoft Powerpoint 2010 è un programma che serve a produrre presentazioni formali o informali che si possono mostrare sia in riunioni che via Internet. Le presentazioni sono dotate di diapositive con testi, immagini e grafici. Powerpoint 2010 permette di creare presentazioni efficaci in modo semplice e veloce, grazie alla possibilità di combinare testi e immagini arricchiti con effetti multimediali ed animazioni.

Powerpoint 2010 offre la possibilità di selezionare stili carattere differenti tra loro, formati e colori. Inoltre, permette di selezionare anche un set di stili veloci in grado di offrire un’ampia gamma di opzioni per la formattazione della presentazione.

Per quanto concerne l’ambiente grafico, la raccolta SmartArt  aggiunge elementi grafici professionali e di alto impatto visivo.  Grazie ai temi di Office, le presentazioni di Powerpoint di possono riformattare con un clic, creando un set di documenti multiformato tra loro conformi e molto professionali.

MSPowerPoint2010
MSPowerPoint2010

All’apertura dell’applicazione, dopo la schermata del Copyright, segue la finestra dell’applicazione. I file prodotti da Powerpoint si chiamano “Presentazioni” e contengono da una ad un numero virtualmente infinito di diapositive. All’avvio di Powerpoint si apre la finestra dell’applicazione. La barra titolo, nella parte superiore della finestra, visualizza il nome del documento corrente e dell’applicazione. Alla sinistra della barra titolo troviamo la barra ad accesso rapido che visualizza  gli strumenti con i comandi più in uso, come “Salva”, “Annulla”, “Ripristina”. Sotto la barra titolo abbiamo un gruppo di schede che costituiscono la barra multifunzione della anche “nastro”.

Ogni scheda  contiene un set di strumenti congrui con l’attività indicata dal nome della scheda.  Puntando il mouse se ne visualizza la descrizione. La scheda “File” realizza la visualizzazione backstage che ha i comandi per lavorare nel documento, come “Apri”, “Salva con nome”, “Stampa”.

Sotto la barra multifunzione la finestra di Powerpoint è divisa in tre parti:

  • il riquadro della diapositiva
  • il riquadro delle note
  • le schede struttura e diapositiva che visualizzano rispettivamente gli elementi visuali delle dispositive o le antemprime o le miniature delle diapositive.

Nella parte inferiore della finestra è collocata la barra di stato che fornisce varie informazioni sull’attività in corso. La barra di stato contiene anche i pulsanti di visualizzazione con cui si possono modificare la modalità di visualizzazione della presentazione, oltre allor strumento di zoom che consente di variare l’ingrandimento del documento.

Importante da ricordare anche che in Powerpoint si possono importare documenti da programmi di elaborazione testo o fogli di calcolo.

Superare i 7 moduli ECDL.

banner-ecdl

Superare i 7 moduli ECDL richiede impegno, ma in cambio dà un aggiornamento importante delle proprie competenze digitali e nuove idee e spunti originali per organizzare il lavoro o l’attività.

Per chi lavora nella P.A. è un passaggio fondamentale, come lo è per chi ha un attività di qualsiasi dimensione, poiché permette di evidenziare i problemi e le soluzioni possibili sia da un punto di vista tecnico che amministrativo, alla quotidianità lavorativa. L’ECDL, peraltro, dà crediti scolastici agli studenti aumentando la loro consapevolezza nell’uso dello strumento informatico. Inoltre, è un titolo che dà punteggio per coloro che hanno intenzione di partecipare ai pubblici concorsi.

Per aiutare tutti quelli che lo affrontano o lo affronteranno, pubblicherò – dai prossimi giorni – i riassunti delle lezioni di ogni modulo, iniziando da Presentation.

La nostra politica commerciale.

Office

La politica commerciale di Shili è la seguente: risorse gratuite ove lo sono sul Web. Conoscenza, quindi la consulenza, e il tempo d’intervento sono a pagamento.

Sviluppo Web, consulenza informatica, commercio elettronico, gestionali per aziende, soluzioni per strutture ricettive (Booking Engine inclusi) scegliendo le soluzioni più sicure, convenienti e performanti per le stesse.

Molte sono le risorse gratuite sul Web oggi, per cui è scorretto farle pagare a chi necessita vengano implementate sul proprio sito. Lavoriamo con software opensource, per cui possiamo garantirvi delle modalità di intervento e spese correlate di tutto interesse.

Ciò che è giusto sia pagato dal fruitore di queste risorse è il tempo e la conoscenza applicate da colui che va in azienda, o dal proprio ufficio soddisfa e risolve queste necessità.

Perché è evidente che di conoscenza e di impegno si tratti.