[Spreadsheet 7]. Gestione dei fogli di lavoro.

Excel

Le cartelle di lavoro possono contenere più fogli di lavoro. Gestire fogli di lavoro multipli può essere una soluzione conveniente per gestire informazioni correlate nella stessa cartella di lavoro.

Ad esempio possiamo introdurre le date di vendita per ogni singolo mese o trimestre, per regioni specifiche in differenti fogli di lavoro.

Si possono anche creare fogli di lavoro di riepilogo che attingono le informazioni dai diversi fogli che costituiscono la cartella di lavoro.

Il foglio di lavoro attivo è quello visualizzato. Si può visualizzare un foglio di lavoro cliccando sulla sua linguetta.

Le linguette visibili nella finestra della cartella di lavoro, dipendono dalla lunghezza dei nomi delle stesse e dalla lunghezza della barra di scorrimento orizzontale. Per visualizzare tutte le linguette è possibile usare i pulsanti di scorrimento. Si può anche visualizzare un foglio di lavoro facendo clic col tasto destro del mouse su uno dei pulsanti di scorrimento, andando poi a selezionare dall’elenco che appare, il foglio desiderato.

Una nuova cartella di lavoro viene creata con 3 fogli di lavoro standard. Questo è un elemento di personalizzazione nelle opzioni di Excel.

Il nome del foglio di lavoro compare sopra la barra di stato  sotto forma di linguetta, detta anche Scheda.

Il nome implicito è “Foglio” seguito da un numero. Si può cambiare il nome, cliccando sulla linguetta, digitando il nuovo nome e confermando col tasto “Invio”.  Risulta meglio rinominare i fogli di lavoro per renderne più facile l’identificazione delle informazioni che contengono.

Dovendo organizzare una tabella per la contabilità generale di una piccola azienda, sarà più semplice ritrovare la situazione economica su un foglio chiamato “Costi” e uno chiamato “Ricavi”, piuttosto che attraverso nomi generici come “Foglio 1” e “Foglio 2”.

In una cartella di lavoro si possono aggiungere o eliminare dei fogli di lavoro.

I menù “Inserisci” ed “Elimina” sono disponibili nei menù contestuali delle linguette dei fogli di lavoro. I nuovi fogli vengono inseriti alla sinistra del foglio corrente, col nome implicito “Foglio n”, potendo nel caso essere rinominati.

Se si elimina un foglio di lavoro, bisogna sapere che i dati verranno persi irrimediabilmente. Non si può usare lo strumento “Annulla” se non rinunciando a salvare la cartella di lavoro alla chiusura del file.

Un foglio di lavoro può essere spostato o copiato, col relativo contenuto, in un’altra posizione. Per spostare un foglio è necessario trascinarne la linguetta nella posizione desiderata.  Di conseguenza verrà trovata un’adeguata distribuzione dei fogli nella cartella.

Per copiare un foglio bisogna tenere premuto il tasto CTRL e trascinare la linguetta nella posizione di destinazione. Questo permette di riproporre la medesima struttura del foglio di partenza.

Il nuovo foglio di lavoro sarà con lo stesso nome del foglio originale più un numero sequenziale.

Con lo strumento “Formato” della Scheda “Home” è possibile spostare  o copiare un foglio di lavoro ed il suo contenuto anche in altre cartelle di lavoro esistenti, purché attive.

Se invece si sposta o si copia un foglio in una nuova cartella, questa verrà creata in automatico dal programma.

Se si vuol fare una copia del foglio attivo, bisogna ricordarsi di spuntare la opzione “Crea una copia” nella finestra di dialogo “Sposta o copia”.