[Word Processing 1]. Introduzione a Word 2010.

Word

Microsoft Office Word 2010 è un’applicazione di elaborazione testi che permette di creare, modificare, salvare documenti di ogni tipo come lettere e promemoria.

Per scrivere si può scegliere tra una grande tipologia di caratteri e un insieme di funzionalità che consente di dare ai documenti l’aspetto grafico  desiderato.

Word 2010 è molto versatile e permette di variare la struttura del documento creato per mezzo dell’inserimento di immagini, tabelle e grafici.

Il programma si attiva da un collegamento sul desktop, se già esiste, oppure dal menù “Start”, selezionare “Tutti i programmi”, poi “Microsoft Office”, quindi “Microsoft Word 2010”. La finestra di Word è costituita dai seguenti elementi principali:

  • la barra titolo; nella parte superiore della finestra, visualizza il nome del file e il nome dell’applicazione corrente
  • la barra di accesso rapido in alto a sinistra, visualizza gli strumenti di uso frequente (salva, annulla, ripristina)

Subito sotto abbiamo la scheda file che realizza la “visualizzazione backstage” che ha i comandi per lavorare sul documento nel suo complesso, come “Apri”, “Salva con nome”, “Stampa”.

Sempre nella parte superiore dello schermo abbiamo la barra multifunzione (detta anche nastro) che contiene un gruppo di schede che a loro volta contengono un set di strumenti, coerenti col tipo di attività svolta dalla scheda. Puntando il mouse su qualsiasi strumento se ne visualizza la descrizione. Sotto la barra multifunzione abbiamo il “righello” orizzontale che permette l’allineamento del testo.

L’area principale della finestra è dedicata al documento che si andrà a creare o modificare, comprendente il righello verticale e le barre di scorrimento.

In fondo alla finestra abbiamo la barra di stato che dà varie informazioni sul documento. La barra di stato contiene i pulsanti di visualizzazione che consentono di modificare la modalità di visualizzazione del documento e lo zoom che permette di ingrandire il documento.

Nella barra di scorrimento verticale sono presenti i seguenti pulsanti:

  • seleziona oggetto da sfogliare
  • pagina precedente
  • pagina successiva

Questi comandi facilitano lo spostamento all’interno di grandi documenti. La barra multifunzione rende meglio visibili e individuabili gli strumenti a disposizione.

Essa è costituita da un insieme di schede con una funzionalità.  Ogni scheda ha i propri strumenti e funzionalità organizzati in gruppi. Alcuni strumenti hanno dei pulsanti di dimensioni maggiori, poiché i comandi sono di utilizzo più frequente.

Col puntatore del mouse su uno strumento viene visualizzata la descrizione del relativo comando. La barra multifunzione può visualizzare una serie di schede contestuali, in base all’oggetto attivo in un momento particolare.

Se selezioniamo un’immagine inserita nel documento, sulla barra multifunzione appare la scheda “Strumenti immagine” che a sua volta contiene la scheda formato.

Se vogliamo nascondere la barra multifunzione ci posizioniamo su una scheda della barra, facciamo clic col tasto destro del mouse e clicchiamo il comando “riduci a icona barra multifunzione”.

Cliccando su una scheda, comunque, si può avere la visualizzazione temporanea della barra completa che viene di nuovo nascosta quando si fa clic sul documento.

Per ripristinare la visualizzazione della barra è necessario ripetere la procedura che abbiamo svolto per nasconderla.

Prevenire lo Spam su WP.

wordpress

Intanto, WP è provvisto di un proprio file .htaccess, con codifica propria, cioè WP, in grado di proteggervi. Aggiungo che, ogni tanto si trova sul web, l’indicazione di aggiungere un file .htaccess in grado di filtrare gli hit alla vostra pagina index come alle altre pagine. Di solito questo è il codice per il file .htaccess che vi dicono di aggiungere.

# Modulo per antispam

<IfModule mod_rewrite.c>

RewriteEngine On

RewriteCond %{REQUEST_METHOD} POST

RewriteCond %{REQUEST_URI} .wp-comments-post\.php*

RewriteCond %{HTTP_REFERER} !.*xyz.* [OR]

RewriteCond %{HTTP_USER_AGENT} ^$

RewriteRule (.*) ^http://%{REMOTE_ADDR}/$ [R=301,L]

</IfModule>

# Modulo blocco indirizzi ip spam specifici (ogni indirizzo va aggiunto)
order allow,deny
deny from 100.100.100.100
allow from all

Non è una buona idea farlo, poiché in questo modo il sito si vedrà, ma bloccherete tutte le possibili interazioni con lo stesso. Infatti, non si può nemmeno commentare, con l’aggiunta di questo codice. Quindi, non aggiungete nulla, in sede di CMS, a quanto scaricato e che riguarda il file .htaccess.

Comunque, per prevenire lo Spam su WP, intanto andate alla pagina Settings e selezionate General. Poi togliete la spunta a “Anyone can register”, così evitate di essere inondati da migliaia di sottoscrizioni.  Questo dovrebbe essere più che sufficiente per darvi una protezione di massima e lasciare il vostro sito online, in grado di affrontare i marosi del web.